fbpx
Che Pallet…pure a Natale!
20 Dicembre 2020
biancheria piegata alla perfezione
💡 TUTORIAL DELLA SETTIMANA 💡
31 Gennaio 2021
Show all

GENNAIO: missione decluttering garage!

garage

POCHI e SEMPLICI TRUCCHI PER UN GARAGE IN ORDINE

Ci siamo, il momento giusto è arrivato: basta rimandare, è tempo d'agire! Del resto, come diceva il buon Confucio

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso.
Di cosa ti sto parlando? Ma del garage, o meglio, del mio sicuramente! Passate le Feste, smontati gli addobbi e riposti per benino nelle loro scatole...mistero misterioso: in garage non ci vogliono più rientrare! Sarà che non ci entro più neanche io, sarà che quando ho aperto la saracinesca è arrivato quell'odorino lontano di colonia francese, sarà che queste scatole con le palle di Natale vagano senza meta per casa da ormai due settimane ...quale che sia il motivo, sento che è giunto l'irrevocabile momento di metterci mano!
Ho colto nel segno? Anche tu con la stessa incombenza? Bene, parliamone! 😉

PER INIZIARE

Direi che per prima cosa è importante decidere da subito QUALE sarà l'uso che vorremo fare del nostro "refugium peccatorum":

Basta navigare un po' su Pinterest per trovare moltissime idee e tutorial su come trasformare il garage in una vera e propria propaggine della nostra casa.
Ma noi, abbiamo detto, partiamo dal caos più totale; e come affrontare il "mostro" senza battere in ritirata prima ancora di aver affrontato la prima battaglia?

Mai sentito parlare di decluttering?

Decluttering è un termine inglese che significa letteralmente “eliminazione del clutter". E che cos'è il clutter? Non esiste una traduzione in italiano corrispondente; in inglese clutter significa “ingombro disordinato”.

Il decluttering è quindi l’eliminazione degli "ingombri disordinati"

Silvia Petiti

In pratica è un principio strettamente collegato ai concetti di ordine, organizzazione e minimalismo: esattamente ciò di cui hanno bisogno i nostri garage! 😅 E siccome non esiste riordino senza disfarsi del superfluo è opportuno, prima di mettersi all'opera, porsi qualche domanda riguardo quegli oggetti che di sicuro ci troveremo a dover decidere se mantenere o meno. Ci aiuteremo con queste semplici domande
  • È veramente utile o necessario?
  • Funziona a dovere?
  • Ha un vero significato per me?
  • Ho già un duplicato?
  • L'ho usato (o almeno spolverato) nel corso dell'ultimo anno?
  • E' ancora nuovissimo?
  • E' ancora nuovissimo?
La verità? Gli oggetti sono fatti per essere usati! Il vero spreco non sarà darli via, ma lasciarli inutilizzati e dimenticati!
Quindi, se la risposta a tutte queste domande sarà “SI”, allora vuol dire che varrà veramente la pena tenerli, altrimenti sarà opportuno riflettere sul da farsi, prendere delle decisioni e agire. Eliminare il superfluo può non essere facile e nemmeno piacevole. Per questo motivo prima di rimboccarsi le maniche e passare all’azione bisogna essere consapevoli di cosa si va incontro, anche perché richiederà non solo buona volontà e determinazione, ma anche sforzo fisico. Ma una volta stabilite le regole e superata la questione psicologica ed emotiva, tutto il resto sarà più facile perché saremo più motivati e le probabilità di portare il lavoro a termine saranno molto più elevate.
garage ante declutteringgarage post decluttering_2

Decluttering step by step

L'impegno ora ce lo siamo preso: entro fine mese il garage mostrerà i primi, sostanziali segni del nostro restyling. Ma non ci avventureremo alla cieca...del resto è dal Neolitico che lo trascuriamo, non è che ora ci dobbiamo scapicollare! Ci vuole metodo, sempre, in tutto; quindi io e te adesso, da brave, ci mettiamo qui ancora qualche minuto e ci finiamo di leggere questo articolo, tanto per capire come procederemo e per non trovarci impanicate proprio nel bel mezzo dei lavori per colpa di un imprevisto (quale scusa migliore per capitolare?!? 🏳🏳🏳).

1. Preparazione

Ogni membro della famiglia avrà certamente qualcosa di personale stipato in un remoto angolo del garage...pure il cane e il gatto (la prima cuccia, le ciotole e i guinzagli vecchi...); coinvolgerli può essere una buona idea. Comunichiamogli la voglia che abbiamo di creare un nuovo spazio, pensare insieme alle soluzioni per creare aree all’interno del garage di cui tutti possano beneficiare. E se nessuno si interessa, non sarà questo a fermarci: inizieremo sole e daremo il buon esempio...magari, nel caso, penseremo all'eventuale coinvolgimento di forze esterne, come una ditta specializzata in sgomberi.
Sarà bene prevedere in anticipo quale fine faremo fare agli oggetti di cui non abbiamo più bisogno, ma che non sono nemmeno da buttare. Venderli? Come? Via internet? Oppure regalarli? A chi? Ci sono organizzazioni nei dintorni? Hanno dei giorni di chiusura? È meglio conoscere in anticipo tutti questi dettagli, per evitare che ci rimangano per mesi in giro per casa scatoloni pieni di oggetti da eliminare.
Ci sono in commercio ottimi prodotti per la pulizia che possono tranquillamente soddisfare ogni richiesta; se non riesci a procurarteli tutti, ecco un piccolo aiuto naturale per le macchie più ostinate:
Prepariamoci tutto il materiale che ci servirà per ripulire:
  • sacchi per le immondizie
  • detergenti e pezze per pulire
  • mascherine e guanti da lavoro
  • scatole in cui riporre le cose da dar via
  • nastro imballo, targhette, spago, etc.
visita il nostro shop

2. Svuotare e pulire

Adesso viene il bello: vedere il garage mezzo vuoto, dopo aver semplicemente spostato gli "ingombri disordinati", sono certa, sarà un incentivo motivazionale non da poco! 🥰
Quindi, fuori macchina, scooter, bici e, prima di procedere con tutto il resto, individuiamo un’area del garage in cui poggiare momentaneamente tutto ciò che vorremo tenere. E' importante questo passaggio perchè è in quello spazio che cercheremo fin da subito di dividere per “categorie” tutte le cose che ci passeranno per le mani (giardinaggio, attrezzi, hobby, attrezzatura sportiva, ecc.): sarà più facile dopo risistemare le cose al posto giusto.
Una volta finito di svuotare il garage è tempo... di utilizzare l'olio di gomito: vai con le pulizie a fondo!
Come per tutte le cose che non curiamo quotidiane, anche la pulizia del garage richiederà un po’ più di tempo e di fatica rispetto al soggiorno di casa. Inizieremo dal grosso: via le ragnatele e la polvere,senza tralasciare scaffali e armadi. Puliamo per benino, senza fare le furbette. Una volta tolta la polvere è il momento di lavare accuratamente pavimenti e superfici.
Ci sono in commercio ottimi prodotti per la pulizia che possono tranquillamente soddisfare ogni richiesta; se non riesci a procurarteli tutti, ecco un piccolo aiuto naturale per le macchie più ostinate:
prodotti pulizia casa fai da te
il bicarbonato è un ottimo alleato per le chiazze d’olio; l’aceto e il succo di limone ti aiuteranno se hai a che fare con un pavimento in cemento; per la serranda metallica utilizza il detersivo per il bucato e asciuga bene per evitare che si formi la ruggine; se hai un pavimento in mattonelle andrà benissimo, invece, quello che usi per casa. Per gli scaffali usa pure un comune sgrassatore per superfici. Una doppia passata di tutto e il gioco è fatto (...detto così, pare facile! 🥴).

3. Valutare e selezionare

A questo punto arriva la parte forse più difficile ossia valutare cosa ci serve davvero, cosa non usiamo, cosa usiamo poco.
Niente panico. Prenderemo in mano un oggetto alla volta e decideremo quale tenere in base all’obiettivo che ci eravamo prefissate...ti ricordi le famose domande?
Ogni cosa ha un suo “costo”: costa spazio e costa energia (per pulirla e riordinarla). Conserveremo quindi solo ciò che riterremo davvero utile.
E se poi ci dovesse ritornare a servire una delle cose che abbiamo dato via? Eh, ci rimarremo male, sicuro, ma riflettendoci un attimino il benessere ottenuto dal garage bello, pulito e fruibile supererà di gran lunga il disagio per quella cosa persa. E poi in qualche modo faremo, magari ce la faremo prestare!
Infine, ci occuperemo delle scatole colme degli oggetti che abbiamo deciso di non usare più e che avremo contrassegnato con le targhette in da "buttare", "vendere", "regalare" e "restituire" (e niente, magari viene fuori quel famoso, vecchio libro di ricette che mamma dice di avermi prestato e che io non trovo più!). Se le cose da dar via saranno pesanti ed ingombranti, bisognerà chiamare una ditta che effettua il servizio di svuota-cantine
Ma, arrivate a questo punto, guardiamoci attorno... Siamo finalmente pronte per compiere i passi successivi che ci condurranno alla realizzazione del nostro sogno: la progettazione e l’organizzazione del nuovo garage! 🤩

4. Riporre in modo sensato e funzionale

E finalmente arriverà il momento in cui potremo rimettere a posto quello che è rimasto dopo il decluttering, ma non necessariamente nello stesso modo in cui lo abbiamo trovato.
Diamo invece, se necessario, un ordine nuovo, più logico e funzionale, in base a due criteri: quello del minore e maggiore utilizzo e quello della funzionalità. Le cose più utilizzate andranno riposte in posizioni più accessibili e comode, gli oggetti con funzioni simili andranno messi vicini tra di loro. Quello che utilizziamo solo occasionalmente potrà andare invece nei posti più scomodi e magari, per ritrovare più facilmente qualcosa quando la cerchiamo, possiamo suddividere in scatole, ceste e contenitori vari e porre in vista delle etichette che ne indichino il contenuto.
E da qui in poi, quale che sarà il nuovo uso che vorremo fare del nostro bel garage, di sicuro dovremo mantenere un impegno: PREVENZIONE! Massima priorità,mi raccomando...voglio dire, dopo tutto il gran lavoro fatto!!!
Impegniamoci ad adottare uno stile di vita più votato al risparmio e più eco friendly, che ci piace tanto tanto 🌱🍀
Un obiettivo raggiungibile semplicemente evitando di acquistare il superfluo o pianificando gli acquisti, vale a dire:
  • Acquistare solo l’indispensabile
  • Riflettere di più prima di acquistare qualsiasi cosa evitando di farlo per impulso o basandosi soltanto sull’emozione
  • Sviluppare l’abitudine di fare delle liste, sia del supermercato per fare una spesa più mirata, sia le wish list (le liste dei desideri) da condividere con amici e parenti in modo che i regali siano veramente utili
  • Fare delle scelte consapevoli, pensando anche all’ambiente per ridurre la produzione di rifiuti
  • Abituarsi a portare con sé una quantità limitata di denaro di carte di credito
  • Evitare ogni tanto i centri commerciali e le vie dello shopping
Che dire ancora? Questa storia del "decluttering" mi incuriosisce e ancor di più mi alletta l'idea di creare quella Hobby Room che sogno da sempre....fosse giunta l'ora?!?!
E tu? Cosa diventerà il tuo garage dopo il restyling? Fammelo sapere nei commenti! Io pensavo a qualcosa del genere...😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *